Matera: tanti come la piccola Melissa rischiano di non farcela senza il vostro aiuto! Tutti in ospedale per donare loro una speranza

Si terrà domani, Sabato 15 Febbraio, alle ore 17:00, nell’Auditorium Madonna delle Grazie dell’Ospedale di Matera, l’incontro di sensibilizzazione e iscrizione al Registro Italiano Donatori Midollo Osseo, dal titolo: “Io dono…non so per chi, ma so perché!“.

Interverranno:

  • Rita Malavolta, presidente nazionale ADMO;
  • Giorgina Specchia, prof.ssa Ematologia dell’Università Aldo Moro di Bari;
  • il Dott. Gianfranco Giannella, direttore servizio immunotrasfusionale dell’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera.

Questo lo scopo dell’iniziativa, come sottolineano gli organizzatori in un post pubblico:

“Vi aspettiamo numerosi per darvi informazioni sull’importanza del dono e su come, con un piccolo gesto d’amore, ognuno di noi può candidarsi a salvare una vita.

Alla fine dell’incontro, per chi volesse, sarà data la possibilità di tipizzarsi (Iscriversi, con un prelievo di sangue, al Registro Donatori Midollo Osseo).

Informarsi per informare è importante: donare, un dovere civico.

Ogni anno in Italia sono circa 1.800 le persone che sperano di trovare un donatore compatibile per sperare di continuare a vivere, e la maggior parte di loro sono bambini!

Non mancate, fatelo per Melissa ma non solo”.

Melissa, come si legge nel gruppo pubblico “Un donatore per Mellissa” che sposa la causa della piccola materana:

“ha 3 anni e, a causa di una leucemia linfoblastica acuta, ha bisogno di un donatore di midollo osseo.

Se hai tra i 18 e i 36 anni e sei in buona salute, recati presso il centro ospedaliero trasfusionale della tua città e chiedi di diventare potenziale donatore di midollo osseo.

La tipizzazione avviene con un semplice tampone salivare o prelievo di sangue.

Potresti essere proprio tu, con un piccolo gesto d’amore, a dare la speranza di un futuro a Melissa e a chi, come lei, questa speranza la sta perdendo”.

Di seguito la locandina con i dettagli.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)