Matera: questi studenti fanno un tuffo nel passato alla ricerca dei propri antenati. Ecco il progetto

I ragazzi della 1 C della secondaria Nicola Festa di Matera, guidati dalla professoressa Daniela Lemma, hanno intrapreso un percorso tutto particolare nell’ambito dello studio di Educazione civica.

In particolare, per quanto riguarda la macro-aerea tematica “La famiglia”, si sono recati presso l’Archivio di Stato di Matera dove, seguiti dalle archiviste Tiziana Pirretti e Feliciana Manicone, si sono dati alla ricerca dei propri antenati per costruire un albero genealogico storico ma allo stesso tempo innovativo e creativo nella realizzazione del prodotto finale.

È quanto fa sapere l’Istituto che precisa:

“La vita di ognuno di noi fa parte di una storia più grande, ricca di avvenimenti; scoprire questa storia significa poter vivere un’esistenza più consapevole, ricca e soddisfacente.

Nascite, matrimoni, separazioni, trasferimenti e altri avvenimenti di famiglia, hanno lasciato qualche traccia nei documenti della città.

Documenti alla mano, i ragazzi sono partiti dai nomi e dai ricordi a loro più vicini, per risalire fino agli antenati più lontani nel tempo e costruire il loro albero genealogico.

L’albero genealogico è il simbolo della vita ed è utilizzato nella genealogia tradizionale perché permette di illustrare il succedersi delle diverse generazioni.

Le radici rappresentano gli antenati, la generazione dei bisnonni e oltre.

Il tronco rappresenta l’asse centrale formato dai nonni e dai genitori.

Le foglie sono la generazione presente, nostra e dei fratelli e sorelle.

I frutti sono ovviamente i figli.

La cultura genealogica ha origini molto antiche.

Nei testi biblici, la cronologia del mondo è scandita dalla successione delle generazioni.

Questa tradizione sacra lascia una traccia nel mondo occidentale, che si manifesta per secoli nella cura e nella bellezza degli alberi genealogici che ritroviamo in quadri, affreschi e manoscritti miniati.

Costruire un albero genealogico è un’attività che coinvolge più discipline e che, nella sua complessità e completezza, permette di lavorare su più piani.

È infatti possibile approfondire la storia personale, lavorare sulla biografia, sulle metodologie di ricerca, sulle scoperte a livello scientifico e tecnico, sui contesti storico-culturali del passato recente.

Ma quello che è essenziale è che permette ai ragazzi di cogliere il nesso tra quello che studiano sui libri, la realtà del territorio e la storia familiare.

Un vivo ringraziamento va quindi all’Archivio di Stato di Matera per aver aperto le sue porte e aver messo a disposizioni dei piccoli cittadini le migliori risorse umane e professionali”.

Ecco le foto.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)