Matera, finalmente approvata la mozione per valorizzare la nostra biblioteca: “un patrimonio di 25000 documenti”. I dettagli

“Esprimo soddisfazione per l’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio regionale della mozione proposta sulla valorizzazione, riorganizzazione e potenziamento della Biblioteca provinciale “Tommaso Stigliani” di Matera“.

E’ quanto dichiara il capogruppo PD in Consiglio regionale Roberto Cifarelli che prosegue:

“Ho deciso di condividere la battaglia avviata “dall’associazione amici della biblioteca Tommaso Stigliani” di Matera e di tutti coloro che si sono spesi in questi anni per difendere patrimonio librario inestimabile che conta più di 250.000 documenti, tra volumi, opuscoli, incunaboli e cinquecentine, una vera ricchezza senza pari.

Con il documento si impegna il Presidente della Regione Basilicata e la Giunta regionale a completare celermente il trasferimento definitivo delle deleghe relative alla cultura dalle Province alla Regione così come previsto dalla legislazione nazionale e regionale;

a programmare e destinare alla Biblioteca provinciale “T. Stigliani” di Matera le risorse economiche (regionali e/o europee) necessarie per risolvere le numerose problematiche afferenti alla carenza di organico, alle criticità strutturali dell’edificio nonché alla riorganizzazione di una serie di attività e servizi pubblici moderni e di qualità;

ad adottare tutti i provvedimenti legislativi utili utili al rilancio, al potenziamento e alla valorizzazione della Biblioteca “T. Stigliani” nonché ad intraprendere tutte le interlocuzioni necessarie,

a partire dalla collaborazione con la Provincia ed il Comune di Matera.

Ringrazio tutti i colleghi che hanno sottoscritto insieme a me la mozione e l’intero Consiglio regionale che ha compreso il senso e l’importanza di questo atto: Matera, Capitale Europea della Cultura, grazie alla biblioteca “Tommaso Stigliani” continuerà ad essere riferimento culturale, formativo ed identitario per la Basilicata, per l’Italia e per l’Europa”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)