Coronavirus: i Sindaci della Provincia di Matera scrivono a Bardi. Ecco le richieste

La Sindaca di Pisticci, Viviana Verri, in un post pubblico comunica:

“Esprimiamo la nostra vicinanza alle comunità di Bernalda, di Policoro e a tutte quelle colpite dal coronavirus.

Da parte nostra stiamo facendo il massimo per tutelare il nostro territorio da un pericolo intangibile, a fronte del quale occorre sempre tenere la guardia alta.

Oggi, insieme a tutti i sindaci della Provincia di Matera e per il tramite dell’ANCI, ho chiesto al Presidente della Regione di:

– definire in maniera puntuale e chiara la catena di comando e di controllo e il flusso delle comunicazioni inerenti all’emergenza da CoronaVirus. Spesso i sindaci apprendono notizie sui contagi nei propri territori direttamente dalla stampa e questo è inaccettabile per chi è deputato all’adozione di misure per la tutela della salute cittadina;

– assicurare fornitura di DPI per il personale addetto ai controlli;

– un incremento del numero dei tamponi effettuati giornalmente e delle casistiche in cui effettuarli;

– indicazioni chiare sull’eventuale adozione di provvedimenti che limitino l’entrata e l’uscita dai nostri territori in modo da uniformare la disciplina in tutta la Basilicata non creando confusione tra i cittadini;

– supporto nelle attività di presidio dei territori da parte delle forze dell’ordine, valutando un coinvolgimento Vigili del Fuoco, e dell’Esercito, previa valutazione delle Prefetture;

– potenziamento dei presidi ospedalieri e del personale medico, attingendo all’elenco degli 8.000 medici che hanno dato la loro adesione alla richiesta del Governo di dare supporto alle zone più colpite;

– riduzione delle attività estrattive del settore idrocarburi, garantendo la sicurezza dei lavoratori.

Vi informo, inoltre, che prosegue il monitoraggio del territorio e che stiamo attivando posti di blocco ai principali accessi al nostro territorio.

Voi dovete fare solo una cosa: #restareacasa.
Al resto ci pensiamo noi!”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)