Stellantis, “persistono i problemi a Melfi: dal 7 Agosto finirà la copertura degli ammortizzatori sociali per 6.300 lavoratori”. La richiesta di questo sindacato

Oggi FCA Italy s.p.a. stabilimento di Melfi ha inviato al Ministero del Lavoro, alla Regione Basilicata e alle OO.SS. la lettera con oggetto – CIGS per contratto di solidarietà – Richiesta di convocazione in sede governativa ai sensi dell’art. 22 bis del D.lgs. n. 148/2015.

Il segretario della Fim Cisl Basilicata, Gerardo Evangelista, fa sapere in un comunicato:

“Persistono i problemi nel sito automotive di Melfi, tra fermate produttive dovute ai semiconduttori, alla nuova riorganizzazione, alle incertezze produttive delle aziende dell’indotto e il termine del Cds che a partire dal 7 Agosto prossimo finirà la copertura degli ammortizzatori sociali per 6.300 lavoratori dello stabilimento di Stellantis Melfi.

La priorità adesso è trovare soluzioni specifiche attraverso ammortizzatori collegati a questi momenti di difficoltà particolari tali da garantire la copertura economica per tutti i lavoratori.

In questa fase di trasformazione che sta stravolgendo il mondo dell’automotive, il Governo ha enormi responsabilità di gestione sui fondi collegati allo sviluppo della componentistica e sul futuro del versante green, compresa la digitalizzazione e la connettività.

Il cambiamento in atto a Melfi deve coincidere con il bene comune a tutti i livelli, per questo la riorganizzazione sull’automotive va seguita e governata creando le condizioni per rigenerare le fabbriche in modo corrispondente all’obiettivo principale che è la tutela dell’ambiente ma il tutto però deve tenere conto anche del mantenimento delle aziende, del lavoro e dell’occupazione.

Per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali per lo stabilimento di Melfi, è importante che da subito si attivi una connessione tra Stellantis, Ministro del Lavoro, Assessore Regionale al Lavoro e le OO.SS. per un intervento a tutela del salario dei lavoratori attraverso strumenti specifici”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)