Matera piange Santino, simbolo del pane della città: “era e sarà il nostro meraviglio esempio di vita”

Matera perde uno storico panificatore.

All’età di 82 anni, si è spento Santino Perrone.

La comunità è ancora incredula.

Diversi i messaggi di cordoglio:

  • “Era il decano dei panificatori materani e riusciva a travolgere tutti con la sua spontaneità e genuinità. E’ stato uno scrigno di ricordi e di saperi, per chi conosce e apprezza il valore artigiano della produzione del pane ma anche per chi, pur non comprendendo le grandi difficoltà ed i sacrifici di un mestiere, come pochi altri, difficile ed importante allo stesso tempo, ha avuto modo di apprezzare i ricordi che Santino ti riversava addosso, come un fiume in piena”;
  • “Vola nel cielo il suo animo nobile. Lascia testimonianza della sua maestria nel fare il PANE DI MATERA. Per lui, il pane era il CORPO DI CRISTO; per noi SANTINO PERRONE era e sarà il nostro meraviglioso esempio di vita. Canta ora con GENNARO PERRONE, cavalcate le nuvole del successo e infondete in noi la vostra arte. Per sempre nei nostri cuori”;
  • “Da questa notte, Santino Perrone preparerà il buon Pane di Matera anche in Paradiso”;
  • “Matera perde un tassello di prestigio della propria storia artigianale e imprenditoriale. Santino Perrone, tra i pionieri della moderna panificazione legata morbosamente all’autentica tradizione, ci ha lasciati. Uomo di grande lungimiranza, passione e grande competenza nella continuità dell’arte panificatrice. La famiglia Perrone perde colui che segnò l’alba della loro grande presenza nella nostra comunità, ed a tutti loro va il mio più affettuoso abbraccio per le più sincere condoglianze. Mi piace pensare che Santino abbia sorriso incontrando suo nipote, Santino Junior, che qualche anno fa in tragiche circostanze venne a mancare. Ora, nonno e nipote potranno parlare, raccontare, proteggere insieme tutti noi da lassù”.

Martedì 30 Giugno si terranno i funerali nella Parrocchia di San Rocco.

Ci stringiamo alla famiglia.a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)