Matera: autista ubriaco mette in pericolo i cittadini! Ecco cosa è successo

La Polizia di Stato è intervenuta per fermare un autista ubriaco che procedeva a zigzag per le strade cittadine, mettendo in serio pericolo l’incolumità dei passanti e degli altri utenti della strada.

Gli agenti della Squadra Volante hanno potuto intercettare e bloccare con tempestività il veicolo grazie a una coscienziosa cittadina che ha chiamato subito il 113 per segnalare il pericolo e fornire preziose indicazioni sulla sua posizione.

La donna aveva notato l’uomo uscire barcollando da un bar situato alla periferia sud della città, montare sull’auto e avviarsi in maniera incerta sulla strada pubblica.

Compresa la situazione di pericolo, ha allora chiamato senza indugi la Polizia, è salita sulla sua vettura e ha “tallonato” l’auto che procedeva pericolosamente, salendo e scendendo talvolta con le ruote sul marciapiedi.

Le indicazioni della signora hanno permesso al personale in divisa di raggiungere prontamente l’auto su questa Via Carlo Levi e di fermarla, prima che potesse investire i passanti o arrecare altri danni.

Una volta proceduto al fermo dell’autoveicolo, ne è uscito un uomo, il quale ha minimizzato riferendo di aver bevuto solo un bicchiere di birra e di sentirsi nel pieno delle sue forze.

L’uomo, un materano di 46 anni, in realtà riusciva a malapena a reggersi in piedi e pertanto è stata fatta intervenire sul posto un’autoambulanza.

Dopo che i sanitari hanno accertato che non versava in condizioni di pericolo per la sua stessa incolumità, gli agenti lo hanno invitato a sottoporsi agli accertamenti previsti per appurare il suo stato di ebbrezza, ma il soggetto ha opposto un rifiuto categorico.

Pertanto, all’esito degli accertamenti svolti, gli operatori hanno proceduto al ritiro della patente di guida e al sequestro amministrativo dell’autovettura, nonché a denunciare l’uomo all’Autorità giudiziaria per essersi rifiutato di sottoporsi all’alcool test. Infine, lo hanno riaccompagnato a casa.a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)