Matera: al via il cantiere per il restauro della “Balena Giuliana”, simbolo della città! Ecco gli eventi in programma per i visitatori

Prende il via oggi, e proseguirà per dodici mesi nel Museo nazionale di Matera, il cantiere dedicato al restauro della “Balena Giuliana”, il fossile del Pleistocene ritrovato nel 2006 sulle sponde della diga di San Giuliano, a pochi chilometri da Matera.

Questa mattina il Direttore del Museo nazionale di Matera, Arch. Annamaria Mauro, ha consegnato il cantiere alla ditta Lithos s.r.l. vincitrice dell’appalto di restauro.

Il percorso per restituire alla comunità questo importante ritrovamento è stato avviato nel marzo 2021.

In quell’occasione sono state riaperte per la prima volta le grandi casse in legno che custodivano i resti della balena e sono cominciati gli studi propedeutici al restauro.

Durante l’allestimento del cantiere, il giardino del Museo Archeologico nazionale “Domenico Ridola” e la palazzina Fio accoglieranno cittadini e visitatori che avranno l’opportunità di partecipare a visite guidate durante le operazioni di restauro.

In parallelo al cantiere, partirà anche il progetto di allestimento sui reperti della balena restaurati anche attraverso una videoinstallazione immersiva nel Museo Ridola.

Saranno realizzati anche un fumetto e un videogioco sul fossile.

Nelle prossime settimane, il Museo Ridola sarà inoltre dotato di un visitor center che racconterà in sintesi tutto il patrimonio custodito.

Sottolinea il Direttore, Arch. Annamaria Mauro:

“Dopo il cantiere con cui stiamo ridisegnando il volto del Museo di Arte Medievale e Moderna della Basilicata, prende avvio anche quello del Museo Archeologico Nazionale ‘Domenico Ridola’.

Se il Museo di Palazzo Lanfranchi è tornato a mostrare tutto il suo splendore grazie a un importante intervento di restauro, il cantiere della “Balena Giuliana” ci consentirà di recuperare e valorizzare un reperto che ormai è diventato un simbolo della città di Matera e che ora potrà essere finalmente restituito alla sua comunità, ma anche svelato al mondo intero”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)