Allarme Psicofarmaci: i giovani li usano già a partire dai 13 anni. Ecco la situazione

Come riportato da tgcom preoccupa l’uso di psicofarmaci a scopo “ricreativo” tra gli adolescenti, un nuovo fenomeno di dipendenza in costante crescita e che riguarderebbe un giovane su 10.

L’allerta arriva dal XXIV Congresso nazionale della Società Italiana di Neuro-Psico-Farmacologia, apertosi a Milano e Venezia.

“Gli psicofarmaci, insieme a un percorso terapeutico a 360 gradi – ha affermato Claudio Mencacci, direttore emerito di psichiatria all’Ospedale Fatebenefratelli di Milano e co-presidente Sinpf – sono fondamentali per curare le malattie mentali anche nei giovani e nei giovanissimi e non bisogna averne paura.

Se invece queste cure vengono usate con modalità e intenzioni diverse non aiutano e soprattutto possono avere ripercussioni negative”.

Da qui la necessità – secondo gli psichiatri – di avviare campagne di sensibilizzazione sul fenomeno e i rischi associati alla possibile dipendenza da abuso di psicofarmaci, tanto più grave se fuori controllo medico, e di azioni educazionali che ne favoriscano il contrasto anche con il coinvolgimento della scuola e della classe medica.

Il fenomeno, che sta dilagando tra gli adolescenti già a partire dai 1314 anni, è in crescita costante, tra il 15 e il 20% negli ultimi 5 anni, grazie anche alla facilità di reperimento degli psicofarmaci.

Secondo uno studio del Cnr, infatti, questi farmaci sono troppo spesso disponibili in casa (42%), acquistati facilmente su Internet (28%), recuperati per strada (22%), sfuggendo dunque al controllo di adulti e medici.

Aumenta così la dipendenza tra i più giovani, spesso associata anche agli effetti collaterali di altre sostanze psicoattive come tabacco, energy drink, benzodiazepine e stupefacenti, con lo sviluppo di comportamenti pericolosi.

“Questi psicofarmaci – ha dichiarato Matteo Balestrieri, Ordinario di Psichiatria all’Università di Udine e co-presidente Sinpf – rappresentano per molti un’ancora di rassicurazione per aumentare le performance scolastiche e i livelli di attenzione, per migliorare l’aspetto fisico quando combinati a farmaci dietetici, per potenziare i livelli di autostima, per sentirsi in forma, migliorando sonno e umore, e molti giovani sono dunque spinti ad assumerli sfuggendo al controllo in famiglia”.

La tipologia di psicofarmaci maggiormente utilizzata nel corso dell’ultimo anno, secondo i dati del Cnr, è quella dei farmaci per dormire (5%).

Seguono quelli per l’umore e le diete (1,7% per entrambe le tipologie) e quelli per l’attenzione (1,2%).

Le studentesse utilizzano in percentuale maggiore tutte le tipologie di psicofarmaci analizzate.

Inoltre, il 18% degli studenti ha utilizzato almeno una sostanza psicoattiva illegale nel corso del 2021; il 2,8% ne ha fatto un uso frequente e quasi il 10% degli studenti è un “poliutilizzatore”, abusando di almeno due sostanze negli ultimi 12 mesi.

La sostanza illegale più diffusa è la cannabis, seguita dalle cosiddette New Psychoactive Substances, sostanze sintetiche che mimano gli effetti di altre sostanze più note.

Dagli psichiatri, infine, 5 consigli per contrastare l’abuso: no al “fai da te” e rivolgersi sempre al medico; non sottovalutare le ricadute collaterali; tenere gli psicofarmaci fuori dalla portata di chiunque possa fare un cattivo uso; avviare campagne di sensibilizzazione; in caso di disturbi come ansia, depressione, disturbi dell’umore, seguire sempre le indicazioni dello specialista.a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)