Nel materano Nicola raggiunge ben 100 donazioni: “provo una grande gioia a fare del bene”. Complimenti

Fidas Calciano inaugura il nuovo anno con una giornata di raccolta di sangue che segna il record personale di ben 100 sacche donate di Nicola Santarosa, che si aggiunge ai super donatori che assiduamente e con costanza porgono il braccio per aiutare gli altri.

Lo scorso sabato 8 gennaio, il Presidente di Fidas Basilicata Pancrazio Toscano ha voluto omaggiare Nicola con la sua presenza, congratulandosi con lo stesso per essere tra i preziosi donatori periodici che nei circa 20 anni di attività della sezione di Fidas Calciano continuano ad essere di esempio per gli altri.

Solo lo scorso anno Cristiano Vizzuso a soli 48 anni aveva raggiunto lo stesso traguardo.

Molto orgogliosa la giovane Presidente della sezione di Calciano, Rosa Carmen Raucci che a sua volta ha ringraziato Nicola per la sua generosità e ha raccontato che:

“oggi siamo doppiamente felici, perché non solo festeggiamo il traguardo del nostro storico donatore, ma festeggiamo anche l’ingresso di sua moglie Teresa alla sua prima donazione.

L’esempio sembra sempre il miglior maestro, e ci auguriamo che l’assiduità del volontario Nicola sia seguita da tanti altri, soprattutto dai giovani, per assicurare un ricambio generazionale necessario.

Ho raccolto una bella eredità dal mio predecessore, Luigi Morena, e in una piccola comunità come quella di Calciano che conta circa 700 abitanti, abbiamo oltre cento donatori attivi che ci hanno fatto chiudere il 2021 con ben 162 consegnate ai centri trasfusionali della Regione, confermando il nostro apporto, nonostante il periodo pandemico che stiamo vivendo”.

Molto emozionato Nicola Santarosa che ha dichiarato:

“provo una grande gioia a fare del bene, e ogni volta che c’è bisogno io sono in prima linea con la donazione del sangue. Ho iniziato insieme a Luigi Morena, e continuerò a donare finché potrò.

In un piccolo paese come Calciano è importante fare qualcosa affinché anche i giovani abbiamo nuove opportunità e il volontariato è una di queste strade.

Sono contento che anche mia moglie abbia cominciato a donare e ci tengo a dire che mio figlio che vive a Verona è un assiduo donatore come me.

C’è sempre un clima allegro quando vado a donare, negli anni ho fatto amicizia con il personale sanitario, oltre che con i volontari, e ormai, Fidas Calciano, è come una famiglia”.

Impegnato a 360° gradi nel volontariato, Santarosa collabora con la locale Pro Loco e con la Parrocchia, adoperandosi con passione e dedizione a fare del bene e a diffondere i valori della cultura del dono e della solidarietà.a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)