Caritas diocesana Matera-Irsina, al via le iniziative per la Giornata Mondiale dei Poveri: ecco i dettagli

Domenica 13 novembre, si celebrerà la VI Giornata Mondiale dei Poveri istituita da Papa Francesco nel 2017 a conclusione del Giubileo straordinario della Misericordia.

“Giornata Mondiale dei Poveri” e non “della povertà” per stimolare la Chiesa globale e i credenti a reagire «alla cultura dello scarto e dello spreco» facendo propria la «cultura dell’incontro».

Una spinta che, però, non è rivolta soltanto ai fedeli, ma a tutti gli uomini e le donne di buona volontà al di là dell’appartenenza religiosa, perché si apra il cuore alla solidarietà e alla fraternità concreta. Le persone al centro, dunque.

Come di consueto le comunità parrocchiali organizzano eventi per celebrare la Giornata, che dal 2017 è una grande “festa della carità”.

Per consentire quindi la partecipazione alle attività parrocchiali, la Caritas Diocesana organizza l’evento diocesano SABATO 12 NOVEMBRE alle ore 16:30 presso la sede della Caritas Diocesana in Via Cappuccini, 15 a Matera.

Il tema di quest’anno è “Gesù Cristo si è fatto povero per voi” (cfr 2 Cor 8,9) e il Papa nel Messaggio invita a non ragionare in termini di assistenzialismo nei confronti dei poveri, ma attraverso progetti che riabilitano alla vita.

E’ necessario andare oltre al sostegno dei poveri di natura esclusivamente assistenzialistica, e trovare nuove strade che permettano loro di ripartire in una vita autonoma.

Scrive Papa Francesco, “Non si tratta, quindi, di avere verso i poveri un comportamento assistenzialistico, come spesso accade; è necessario invece impegnarsi perché nessuno manchi del necessario”.

Con questo spirito la Caritas Diocesana in collaborazione con l’Organismo di Formazione Consorzio ISME Soc. Coop. di ConfCooperative Basilicata sottoscriverà un protocollo di collaborazione per l’avvio di tirocini formativi.

Firmeranno il protocollo l’Arcivescovo Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Vescovo di Matera¬-Irsina e Presidente della Caritas Diocesana e il dott. Giuseppe Bruno, Presidente di ISME.

In ottemperanza al protocollo e alla logica della promozione della persona, sarà attivato un primo tirocinio a favore di una profuga ucraina ospite della Caritas Diocesana e inserita nel progetto APRI UCRAINA che la Caritas Diocesana sta realizzando attraverso il supporto e il finanziamento di Caritas Italiana.

Precederà il momento della firma una riflessione a partire dai temi presenti nel messaggio.

Di seguito la locandina con i dettagli dell’iniziativa.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)