Basentana: “non è possibile avere una regione intransitabile con una sequela di lavori infiniti e pericolo per gli automobilisti”, a dirlo…

“In Basilicata non vi sono aerei, non vi sono ferrovie, restano le strade, in condizioni di grave difficoltà. Non esiste in programma un riferimento ordinario sullo stato dell’arte non riuscendo a prendere in mano la questione della viabilità in una regione a cui la continuità territoriale oggi è negata”.

Lo sostiene il segretario provinciale dell’Ugl di Matera, Pino Giordano per il quale:

“basti vedere una delle arterie stradali più importante della Regione, la S.S. 407 Basentana, dove le condizioni sono tali per cui la situazione della viabilità è davvero enciclopedica.

Questa strada tiene insieme non solo una regione, ma una direttrice, perché mette insieme il Tirreno con la jonica, e sono stati progettati interventi per centinaia di milioni di manutenzione straordinaria: gallerie, viadotti, insomma di opere d’arte importanti.

Strada ‘vergognosa’ – la definisce Giordano – dove l’Ugl parla di manutenzioni straordinarie, la cui urgenza dell’intervento non è differibile. L’Ugl e i cittadini lucani sono stanchi, attendono delle risposte, non è possibile avere una regione intransitabile con una sequela di lavori infiniti e pericolo per gli automobilisti.

Basta percorrerla interamente per averne un’idea.

I lavori per la superstrada S.S. 407 Basentana, che parte dallo svincolo autostradale di Sicignano degli Alburni e si congiunge a Metaponto, allo svincolo della SS 106 Jonica, iniziarono negli anni ’60 con i fondi della Cassa del Mezzogiorno ed ha contato su un programma decennale di investimenti per oltre 1200 miliardi di lire.

Ma la storia della Basentana è sempre stata particolarmente accidentata. Dagli archivi delle Camere del Parlamento Italiano risultano diversi interventi sulla questione, a partire dagli anni ’60 fino agli ultimi recenti interventi in seguito ai danni dell’alluvione del 2013.

Con buona pace di tanti fondi pubblici spesi senza criterio.

Ma riflette in pieno i limiti nella gestione pubblica della viabilità dove nei casi specifici i soldi c’erano che, oltre ad essere stati spesi male, gravano sulla tasca di tutti. L’Ugl ricorda che dal 1958 in ogni occasione elettorale si parla sempre di strade che dovrebbero trasformare la nostra regione in una California, grazie alla rapidità e alla modernità dei traffici. Ma le parole restano solo parole, e fatti non se ne vedono.

L’Anas ha montato sulla strada statale 407 Basentana (precisamente nel tratto di collegamento Potenza-Metaponto) un cartello in cui informa dei lavori per la realizzazione dello spartitraffico centrale dal chilometro 42+200 al chilometro 46+400 (tratto compreso tra i Comuni di Salandra e Garaguso) e sarà messa in sicurezza anche il tratto da Calciano a Metaponto dove i lavori del primo lotto ammontano a 3 milioni 36 mila euro.

Non basta dopo decenni dalla sua realizzazione ancora parliamo di interventi a spezzatino.

La Basilicata và servita se vogliamo uscire veramente dall’isolamento meridionale non potendo accettare il criterio che proprio questa regione viene sempre messa in seconda linea quando si tratta di fare programmi stradali”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)