Per le famiglie bonus vacanze fino a 500 euro, sfruttiamolo per visitare la bella Basilicata! Ecco chi può fare domanda

Si ritorna a parlare di “bonus vacanze”.

Come annunciato dal Premier Giuseppe Conte, nel nuovo “Decreto rilancio” c’è posto anche per il turismo, uno dei settori che ha più sofferto a causa del Coronavirus.

Cerchiamo allora di capire come funziona, a chi spetta e come richiederlo.

Ecco i dettagli, così come riportati da Fanpage:

A chi spetta il bonus vacanze

L’incentivo non sarà dedicato a tutti: vi potranno accedere solo i nuclei familiari con un Isee non superiore a 40mila euro.

Bonus vacanze, requisiti e come funziona

Il bonus potrà essere utilizzato dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 e sarà di importo diverso a seconda della composizione del nucleo familiare.

Il tetto massimo è fissato a 500 euro e riguarda le famiglie con figli, e andrà a scendere in assenza di persone a carico.

Per le coppie, quindi, l’incentivo sarà di 300 euro.

Per i single invece di 150 euro.

Il bonus potrà essere utilizzato esclusivamente in Italia e servirà per pagare i servizi turistici: sarà quindi possibile coprire le spese per l’albergo o per l’agriturismo in cui si intende trascorrere le ferie.

La somma potrà essere usata da un solo componente per nucleo familiare.

Come richiedere il bonus vacanze 2020

Bisognerà attendere il bando ufficiale per capire in che modalità richiedere il bonus attraverso l’Inps.

Per il momento, però, si può anticipare che il credito sarà fruibile solo all’80% sotto forma del corrispettivo dovuto.

Il restante 20% sarà invece riconosciuto come detrazione d’imposta riconosciuta in sede di dichiarazione dei redditi per chi ne avrà diritto.

Questo sconto sarà poi rimborsato alle imprese che hanno fornito i servizi ‘sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, con facoltà di successive cessioni a terzi, anche diversi dai propri fornitori di beni e servizi, nonché ad istituti di credito o intermediari finanziari‘, si legge nel decreto.

Come usare il bonus vacanze in Italia

Ma come funzionerà il bonus vacanze?

Come detto, questo incentivo potrà essere utilizzato per pagare le spese delle strutture ricettive per i soggiorni in Italia.

Tuttavia ci sono alcune specificazioni da sottolineare.

Per prima cosa i pagamenti dovranno essere sostenuti in un’unica soluzione e relativamente ai servizi di una sola impresa turistica.

Facendo un esempio concreto, ciò significa che una famiglia che desidera passare le vacanze estive in riva al mare e che ha diritto al bonus, dovrà scegliere un unico albergo o bed&breakfast dove trascorrere le ferie e pagare il conto in una sola rata.

Il totale del corrispettivo andrà documentato tramite una fattura elettronica o un documento commerciale nel quale andrà riportato il codice fiscale della persona che intende beneficiare del credito.

Infine, specifica il decreto, ‘il pagamento del servizio deve essere corrisposto senza l’ausilio, l’intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator‘.”

Secondo le ultime indiscrezioni, riportate da “Il Sole 24 ore”:

“A registrare i dati del beneficiario e a generare un Qr Code spendibile nelle strutture sarà una app che il ministero dei Beni culturali e del Turismo lancerà a metà Giugno «ma comunque – spiegano dal dicastero – con anticipo rispetto al 1° Luglio, per dare il tempo alle famiglie di predisporre l’Isee e di acquisire un’identità digitale Spid».

Le strutture ricettive avranno il rimborso dello sconto effettuato ai turisti sotto forma di credito di imposta, da usare in compensazione da subito.

Oppure il credito potrà essere ceduto a terzi o alle banche”.

La nostra Terra è bellissima.

Per le vacanze restiamo nel mare della nostra Basilicata.a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)