Nel materano il ricordo del Carabiniere Pezzuto, eroe che ha perso la vita sul lavoro

Sarà inaugurata Giovedì 30 Gennaio alle 10:30 presso il centro polifunzionale San Giuseppe di viale Sant’Anna di Tursi, la mostra che racconta la storia di Claudio Pezzuto, carabiniere insignito della medaglia d’oro al valor militare rimasto ucciso nel conflitto a fuoco in un posto di controllo il 12 febbraio del 1992.

La mostra “Storia di un Carabiniere Eroe – Claudio Pezzuto M.O.V.M”, curata dall’arch. Francesca Fasanino del Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo dell’Università della Basilicata di Matera, si compone di ventinove pannelli espositivi che ricostruiscono seguendo una timeline ideale, i fatti e poi le memorie: cimeli originali di Claudio, provenienti dalla sala dei ricordi del Comando Legione Basilicata; materiale archivistico e fotografico, di proprietà della signora Tania Pisani Pezzuto, vedova del militare eroe, reso disponibile per la visione al pubblico per l’occasione.

L’evento è stato fortemente voluto dalla vedova Pezzuto, ospite in diverse occasioni nel Comune di Tursi: l’ultima nel 2017 in occasione della II Giornata della Legalità organizzata dall’Amministrazione, in collaborazione con l’assessore alle politiche sociali Sara D’Alessandro.

Alla cerimonia inaugurale, a cui sono state invitate tutte le scuole del territorio, prenderanno parte:

  • il Sindaco, Salvatore Cosma;
  • Mario Lamboglia, giornalista dell’Eco;
  • Nicola Latronico, cavaliere della Repubblica e delegato regionale UNIMRI;
  • Tania Pisani Pezzuto, vedova della medaglia d’oro Claudio Pezzuto;
  • il Vescovo della Diocesi Tursi-Lagonegro Mons. Vincenzo Orofino;
  • il Generale di brigata Rosario Castello, comandante della Legione carabinieri di Basilicata.

Tursi si conferma città della legalità, con questo importante evento di elevata caratura, e dall’alto valore umano che farà da preludio ad altre iniziative che si stanno organizzando sul tema.

Di seguito la locandina con i dettagli.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)