In Basilicata arrivano tutori legali per “ragazzi che hanno alle spalle miseria, privazioni, guerre”. I dettagli

Sono 27 gli aspiranti tutori legali che parteciperanno alla terza edizione del corso di formazione per aspiranti tutori legali, volontari, di minori stranieri non accompagnati, promosso dal Garante dell’infanzia e dell’adolescenza della Regione Basilicata, Vincenzo Giuliano, in collaborazione con il Tribunale dei Minori di Potenza e il progetto Fami (Fondo asilo, migrazione, integrazione).

Una tre giorni, dal 6 all’8 Settembre prossimo, presso la sede del Consiglio regionale (Sala A), in Via Verrastro, a Potenza, durante la quale esperti della materia tratteranno diversi argomenti.

Tra gli altri, Silvia Faggin, di “Save the Children”, spiegherà la Convenzione sui diritti del fanciullo (CRC), i diritti e i doveri del tutore, fornendo anche dati e analisi sugli arrivi e sulle presenze dei minori stranieri non accompagnati in Europa e in Italia.

Ad aprire i lavori, il Presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Carmine Cicala.

Ecco quanto dichiara il Garante dell’infanzia e dell’adolescenza della Basilicata, Vincenzo Giuliano, riferendosi all’iniziativa:

“Tutori da formare per accompagnare e includere nelle nostre comunità ragazzi che hanno alle loro spalle miseria, privazioni, spesso guerre, ma con tanta forza, affrontano i rischi di un ‘viaggio verso l’ignoto per una prospettiva di vita migliore.

Il destino di questi ragazzi è nelle nostre mani, nelle mani della società che li accetta.

Ma questo non basta se a tali dichiarazioni di principio non corrispondono, poi, gli strumenti e le strutture di servizio che assicurino loro la possibilità di fruizione dei diritti riconosciuti.

Ed è per rispondere a questa esigenza che sostengo, da tempo, l’inclusione delle famiglie nel processo formativo-assistenziale per un reale inserimento nel tessuto sociale-lavorativo di questi ragazzi”.

In occasione della prima giornata di formazione, è prevista una tavola rotonda durante la quale gli attori del sistema di protezione e accoglienza per minori stranieri non accompagnati spiegheranno il funzionamento del sistema a livello locale.

Nel secondo giorno di formazione, Tamara Amadio del “CIR” spiegherà, tra l’altro, la procedura per l’identificazione e l’accertamento dell’età, la richiesta e il rinnovo del permesso di soggiorno per minore età, la procedura per il rintraccio e il ricongiungimento familiare in Italia e in altri Paesi europei.

Delle misure di integrazione di lungo periodo, compreso il diritto all’istruzione e l’accesso al lavoro ne parlerà, invece, Giuseppe Marino dell’Istituto “Don Calabria”, mentre Roberta Giunta di “Terre des Hommes” relazionerà, tra l’altro, sull’identificazione precoce dei disordini post traumatici da stress: il primo soccorso psicologico.a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)