Basilicata: 167 mila euro per gli operatori di questo settore! Ecco come accedere al contributo

Approvata e pubblicata nell’ultimo numero del Bollettino ufficiale della Regione Basilicata, su proposta dell’assessore regionale alle Politiche agricole, Francesco Fanelli, la delibera di giunta per “il sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano”:

“Beneficiari del provvedimento – che mette a disposizione circa 167 mila euro e che prevede una serie di incentivi per gli operatori del settore – sono tutti gli allevatori lucani iscritti ai libri genealogici ed in regola sotto l’aspetto sanitario.

In particolare, sono interessati gli allevamenti bovini (da latte, di razza podolica, da carne), bufalini, suini, equini, ovini, caprini e cunicoli”.

Fanelli ha sottolineato come:

“Si tratta di un provvedimento importante, che incentivando l’acquisto di animali altamente selezionati e rigorosamente controllati sotto l’aspetto sanitario si pone due obiettivi: migliorare la genetica del patrimonio zootecnico regionale, indispensabile per migliorare i livelli di produttività quantitativa e qualitativa delle produzioni; prevenire l’introduzione e la diffusione di malattie del bestiame negli allevamenti.

L’intensità dell’aiuto sarà del 50 per cento se si acquista un capo di bestiame in un centro genetico e del 40 per cento se si acquista in un altro allevamento.

Per i giovani di età inferiore a 40 anni l’intensità dell’aiuto è aumentata del 10 per cento, così come per le donne, mentre per le aziende che hanno subito l’abbattimento totale o di almeno il 30 per cento dei capi, a seguito di ordinanza dell’autorità sanitaria, l’intensità dell’aiuto per l’acquisto è del 70 per cento.

Sono previsti inoltre incentivi per interventi di fecondazione artificiale e di embrio transfer, così come contributi “per gli equini” ai fini del mantenimento di riproduttori maschi e di fattrici che abbiano partorito ed una cifra pari a 200 euro per Unità di bovino adulto (Uba) a sostegno della biodiversità per la capra di Potenza.

Il provvedimento consente di pagare il contributo a tutti gli allevatori che hanno presentato domanda nel 2018 e che hanno avuto esito favorevole all’istruttoria”.

Per accedere al contributo, la domanda dovrà essere presentata unicamente online accedendo alla sezione “Avvisi e Bandi” del sito istituzionale www.regione.basilicata.it

Per ogni informazione, gli interessati potranno rivolgersi all’Ufficio Zootecnia, Zoosanità e Valorizzazione delle produzioni della Regione Basilicata.a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)