Manovra, il Reddito di Cittadinanza sarà abolito! Ecco cosa cambia

Il Consiglio dei ministri ha varato la manovra finanziaria 2023 e nel testo della legge di bilancio arriva una “manutenzione straordinaria del reddito di cittadinanza”.

Ecco cosa è stato deciso da Palazzo Chigi su questa misura, come riportato da Skytg24:

“il reddito di cittadinanza si avvia verso la sostituzione con altre misure, ‘con un periodo transitorio nel 2023 con maggiori controlli sul fronte di chi lo percepisce e di chi riceve offerte di lavoro‘, spiega il Mef in una nota.

Il reddito dall’1 gennaio 2024 ‘sarà sostituito da una nuova riforma. Previsto un risparmio di 734 milioni per il 2023. I risparmi di spesa finanzieranno un apposito fondo che finanzierà la riforma complessiva per il sostegno alla povertà e all’inclusione

Con la manovra ‘inizia il periodo transitorio sul reddito di cittadinanza.

Dall’1 gennaio 2023 alle persone tra 18 e 59 anni (abili al lavoro ma che non abbiano nel nucleo disabili, minori o persone a carico con almeno 60 anni d’età) è riconosciuto il reddito nel limite massimo di 8 mensilità invece delle attuali 18 rinnovabili‘.

Il Mef spiega anche che ‘è previsto un periodo di almeno sei mesi di partecipazione a un corso di formazione o riqualificazione professionale.

In mancanza, decade il beneficio del reddito. Si decade anche nel caso in cui si rifiuti la prima offerta congrua’.

Previste anche agevolazioni alle assunzioni a tempo indeterminato con una soglia di contributi fino a 6 mila euro per chi ha già un contratto a tempo determinato e in particolare per le donne under 36 e per i percettori del reddito di cittadinanza”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)