Basilicata, con l’annunciata riforma pensioni beffa per quelle minime: “circa 20 centesimi di euro in più al giorno”! Questa la situazione

“Dalla rivalutazione delle pensioni annunciata dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, gli agricoltori pensionati lucani avrebbero un beneficio reale di circa 20 centesimi di euro al giorno”.

È la stima del patronato Inac-Cia Basilicata.

Evidenziano Inac e l’Anp (Associazione Nazionale Pensionati) Cia Basilicata:

“Nelle campagne si vivono le situazioni più difficili: se in Italia quasi un pensionato su due vive con meno di 1.000 euro al mese, nelle nostre contrade ed aree rurali la media percepita si abbassa notevolmente, ed è proprio qui che si registra la massima concentrazione di pensioni minime, intorno alla soglia di 500-600 euro mensili.

Nelle zone di campagna i ‘morsi’ della crisi sono amplificati e si inaspriscono i toni del disagio sociale, soprattutto per gli ultrasessantacinquenni, che pagano la nota carenza di servizi socio-assistenziali“.

Sostiene il presidente di Inac-Cia, Alessandro Mastrocinque:

“La nostra stima dimostra come bisognerebbe porre grande attenzione nell’applicazione delle percentuali delle rivalutazioni.

Il rischio che si corre è ‘l’effetto Robin Hood al contrario’, dove le fasce più sofferenti hanno un incremento che non incide minimamente sulla qualità della loro vita e si facilita sola la possibilità di spesa dei più facoltosi.

Per questo bisognerebbe, in questa fase parametrare le percentuali, favorendo le pensioni basse“.

Propone il patronato Inac-Cia:

“Per una rivalutazione più incisa ed equa bisognerebbe partire dall’applicazione delle percentuali più alte per chi percepisce assegni da mille euro al 9 per cento, per arrivare ad un 1,5% da applicare alla fascia che riguarda gli assegni mensili superiori ai 3000 euro“.

Afferma Mastrocinque:

“La copertura complessiva economica dell’impegno, ovviamente solo per queste due fasce di pensioni prese in esame, sarebbe equivalente e si aggirerebbe sui 3,6 miliardi di euro.

A nostro avviso ha più senso, anche in un’ottica di spinta verso i consumi, mettere più soldi in tasca a chi, oggi, vive anche con meno di 1000 euro/mese.

Queste persone con circa 100 euro al mese in più, forse potrebbero acquistare beni e servizi, dando un impulso anche ai consumi che ristagnano.

Passare una pensione da 3000 euro/mese a 3050 con cambia la qualità della vita.

I problemi della povertà, dell’assistenza sanitaria dei servizi sociali, fanno parte del sistema dei diritti, soprattutto quando questo riguarda gli anziani, ovvero, la parte della popolazione più fragile”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)