A Matera il Giro d’Italia 2020! Bardi: “Mostreremo straordinarie eccellenze paesaggistiche e storiche”

È stato ufficializzato ieri il percorso del Giro d’Italia 2020 che farà tappa in Basilicata con arrivo e partenza da Matera i giorni 8 e 9 Ottobre.

La carovana rosa partirà da Castrovillari e attraverserà il versante lucano del parco del Pollino, per poi costeggiare la diga di Monte Cotugno lungo la Sinnica, attraversare la Val d’Agri e raggiungere la Basentana nello scenario lunare dei calanchi.

Da lì, i ciclisti affronteranno la lunga salita verso il traguardo nella città dei Sassi.

Il giorno dopo, il Giro proseguirà la sua corsa verso la Puglia.

La tappa è il frutto dell’impegno di Regione Basilicata, Comune di Matera e APT Basilicata, che con un’iniziativa congiunta hanno colto l’occasione di intercettare uno degli eventi sportivi più importanti a livello internazionale.

I risultati di promozione sono infatti di dimensione globale, con una copertura televisiva prevista su 200 Paesi.

Il presidente Bardi afferma:

“Con la scelta del percorso, fortemente voluto dalla Regione e dall’APT, mostreremo una Basilicata dalle straordinarie eccellenze paesaggistiche e storiche.

Il Giro attraverserà i nostri parchi e i nostri fiumi, unendo virtualmente le comunità lucane attraverso uno sport che è metafora di impegno e di costanza.

Sono questi i valori che il sistema pubblico e privato lucano devono condividere per riuscire nella ripartenza”.

Il direttore APT Nicoletti afferma:

“La tappa unisce sport, natura e cultura, e di fatto costituisce una straordinaria operazione di marketing per la Basilicata anche in una prospettiva di destagionalizzazione, in un anno difficile come questo.

Inoltre, unisce non solo virtualmente il prodotto delle aree interne a quello della città dei Sassi, che rafforza così il suo appeal confermandosi una delle città d’arte più desiderate dai viaggiatori post-lockdown, come rilevato da diverse recenti indagini sulla ripresa del turismo in Italia”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)