Matera, rischio multe per chi non compila questo questionario! I dettagli

I nuclei familiari selezionati, avranno tempo fino al prossimo 22 dicembre, per partecipare al “Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni”, che dal 7 novembre ha avuto inizio con la rilevazione “porta a porta”.

Sono diversi i rilevatori incaricati di pubblico servizio, i quali muniti di apposito cartellino di riconoscimento, si stanno recando al domicilio delle famiglie estratte dall’Istat, al fine di aiutarle nella compilazione del questionario di raccolta dei dati per il censimento, obbligatorio dal 2018 e diventato campionario.

Quindi, ogni anno sarà coinvolto solamente un campione e non più tutte le famiglie del comune.

Dopo il 22 dicembre, non sarà più possibile effettuare la rilevazione di dati.

Quelli già raccolti, verranno trattati nel rispetto della normativa in materia di tutela del segreto statistico e di protezione dei dati personali, e sono di interesse pubblico, quindi il Comune chiede la collaborazione di tutte le famiglie estratte casualmente dall’Istat.

Ricordiamo che partecipare al censimento è un obbligo di legge sancito dal decreto legislativo 322/89 e successive modifiche ed integrazioni e, pertanto, nei casi di rifiuto o sottrazione volontaria all’intervista, è prevista l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria.

Per informazioni e chiarimenti si può telefonare dal lunedì al venerdì, durante gli orari di ufficio, al seguente numero telefonico: 0835/241350.a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)