Matera: “Madonna delle Grazie” depotenziato e ospedale da campo ridotto a tenda vuota e inutilizzabile! Interrogazione al Ministro Speranza

“Ad oggi esiste una ‘questione sanitaria’ in Basilicata su cui è d’obbligo fare chiarezza.

Mentre il presidio ospedaliero ‘Madonna delle Grazie’ di Matera viene gravemente depotenziato per volontà della Giunta regionale, due ospedali da campo, frutto di una donazione dal Qatar per fronteggiare l’emergenza da Covid, giacciono vuoti e inutilizzati nella stessa Matera e a Potenza.

Per questo motivo ho ritenuto doveroso presentare due interrogazioni al Ministro Speranza, che peraltro è lucano, affinché faccia chiarezza su queste vicende, che ancora una volta mortificano e penalizzano la sanità del Sud”.

Lo ha dichiarato il senatore Saverio De Bonis, il quale ha presentato al ministro della Salute Roberto Speranza due interrogazioni:

  • sul polo ospedaliero di Matera, per il quale è previsto un ridimensionamento;
  • sui due ospedali da campo dislocati a Matera e Potenza.

Di seguito i link alle due interrogazioni:

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/18/Sindisp/0/1185204/index.html

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/18/Sindisp/0/1185147/index.html.

Il senatore spiega:

“Il polo materano era stato riconosciuto dalla stessa Regione come ‘DEA di I livello’, e dunque presidio sanitario fondamentale per garantire l’assistenza al territorio della provincia di Matera e dei Comuni pugliesi limitrofi.

Per di più, per lo stesso ospedale erano stati previsti lavori di potenziamento per adeguarlo all’emergenza pandemica.

Quanto alle strutture mobili, dobbiamo rilevare, come già fatto da alcuni organi di stampa, che se un terzo ospedale da campo, quello destinato a Padova, sarebbe già in funzione, quelle lucane risultano essere solo tende vuote, con tutti i dispositivi, come ventilatori, mascherine ecc., chiusi e ammassati da una parte.

Al Ministro Speranza chiedo dunque, in merito all’ospedale ‘Madonna delle Grazie’, se non ritenga che sia stata attuata un’autentica spoliazione della sanità materana con scelte dissennate, operate già dalla precedente giunta, senza avere prima adottato un documento di programmazione sanitaria, e se non sia del parere, soprattutto in piena pandemia e alla luce delle durissime lezioni impartite dall’emergenza epidemiologica, che vadano adottate misure inverse a quelle che la Regione Basilicata sta mettendo in atto.

Quanto alle due strutture da campo, oltre alla forte perplessità sulla scelta di montare tende in un luogo come Potenza, continuamente soggetto a raffiche di vento e neve, domando al Ministro come mai, a distanza di mesi, non siano state fatte le dovute verifiche di fattibilità ed effettiva operatività delle strutture per cui il Governo ha stanziato soldi.

Infatti, gli ospedali da campo dovevano essere pronti per la seconda ondata prevista di pandemia, per decongestionare le strutture ospedaliere non solo della Basilicata ma anche delle regioni limitrofe.

E gli domando anche come mai sia stata individuata come localizzazione strategica per il Sud Italia la Basilicata, salvo poi venire a mancare i controlli e tutte le operazioni per garantire dispositivi e personale medico e infermieristico alle due strutture da campo”.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)