Diocesi di Matera-Irsina, produrre energia da fonti rinnovabili per condividerla: ecco l’iniziativa solidale

Produrre energia da fonti rinnovabili, condividerla e rispondere ai bisogni sociali con una iniziativa solidale è quanto propone la Cei alle parrocchie italiane, raccogliendo la proposta emersa nel corso della 49° Settimana sociale dei cattolici italiani svoltasi a Taranto nel 2021.

Se ne parlerà Mercoledì 1 marzo a Matera in un seminario promosso dall’ Associazione Zona Franca Matera in collaborazione con la Diocesi di Matera-Irsina.

I relatori saranno tre esperti della materia:

  • il Prof. Sergio Olivero dell’Innovation Energy Center del Politecnico di Torino;
  • il Prof. Nicola Conenna, fisico e presidente della Fondazione H2u Università dell’Idrogeno;
  • Mons. Filippo Santoro arcivescovo di Taranto e vescovo delegato per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia, e la pace.

Il seminario si terrà nell’Auditorium della Parrocchia Maria SS. Addolorata di Matera in Via delle Nazioni Unite Mercoledì 1 Marzo dalle 16:00 alle 18:00.

I lavori saranno introdotti da Mons. Filippo Lombardi, vicario per la pastorale, le conclusioni con alcune proposte operative saranno affidate a Mons. Filippo Santoro e a Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina e Amministratore Apostolico della Diocesi di Tricarico.

Istituite con Legge 199/2021 le comunità energetiche sono dei nuovi soggetti giuridici aperti alla partecipazione di persone fisiche, imprese, associazioni, enti locali ed enti religiosi con l’obiettivo di fornire ai suoi membri e alle comunità locali in cui essa opera benefici ambientali, economici e sociali attraverso la produzione e l’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili.

Operando nello spirito dell’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco le comunità energetiche possono concorrere a rafforzare i legami comunitari, tanto nell’ambito civile che in quello ecclesiale, offrendo inoltre una risposta alla povertà energetica che colpisce famiglie e persone fragili nel nostro Paese.

a
a

MATERANEWS.NET
(Autorizzazione Tribunale n. 473)